Ansia da Prestazione Lavorativa: Sintomi, Cause e Cura - Dr Gaspare Costa - 340/7852422 - Psicologo - Psicoterapeuta

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Ansia e la Salute
psicologo massa
 Ansia da Prestazione Lavorativa: Sintomi, Cause e Cura

04/07/2017
A cura del Dr gaspare Costa

Quali sono i sintomi dell'ansia da prestazione lavorativa?

L’ansia da prestazione lavorativa si manifesta con sintomi quali  angoscia  eccessiva che, a volte,  può sfociare in un vero e proprio attacco di panico, tanto da compromettere il lavoro e  qualità della vita dell’individuo. L’ansia sul posto di lavoro può essere una condizione normale e transitoria quando, ad esempio, si inizia una nuova attività oppure quando si è alle prese con mansioni importanti che implicano un aumento della responsabilità percepita (chiudere un importante contratto, gestire situazioni inusuali o particolarmente complesse, rivestire un nuovo incarico etc.).

Nell’ansia da prestazione lavorativa il soggetto vive uno stato perenne di apprensione in relazione a sintomi come la paura di non essere all’altezza oppure di essere criticato  o di deludere il datore di lavoro  o i colleghi che non si attenua ne con l’esperienza ne, tantomeno,  con il fatto che queste critiche non arrivano oppure sono rare e blande. L’individuo che manifesta ansia eccessiva sul posto di lavoro presenta ansia anticipatoria in relazioni a possibili situazioni lavorative; in altre parole, la loro mente anticipa possibili scenari  dove si rappresentano in difficoltà rispetto alla mansione da svolgere oppure immaginano di essere criticati  o derisi.

I sintomi dell'ansia da prestazione lavorativa in genere si attenuano nel fine settimana o con l’inizio delle ferie per poi ripresentarsi, in maniera marcata, con l’inizio della settimana o la fine delle vacanza, durante il lavoro appaiono particolarmente tesi, perfezionisti, poco inclini a rilassarsi, eccessivamente sensibili ad ogni minimo appunto su quello che stanno facendo manifestando una significativa sensività interpersonale: in altre parole, manifestano la convinzione che particolari segnali  come, ad esempio, sguardi, sorrisi, critiche generiche  siano rivolte alla propria persona.

Tra gli altri sintomi, gli individui con ansia da prestazione lavorativa presentano la tendenza a ruminare prima, durante e dopo aver svolto una mansione, mentalmente "ricostruiscono", proprio come un film, quello che è avvenuto durante il lavoro interpretandolo sempre in chiave critica ("Perché il capo mi ha guardato in quel modo...Ho visto dei colleghi confabulare  sottovoce e altri ridacchiare: sicuramente parlavano  di me") e svilente. Generalmente, le persone che presentano  troppa ansia al lavoro  portano le loro frustrazioni a casa  e possono manifestare sintomi come  irritabilità, tristezza, nervosismo, apparire troppo silenziosi o, al contrario, parlare ossessivamente di quanto accaduto al lavoro compromettendo, in questo modo, il clima affettivo familiare.

In alcuni casi, i soggetti con ansia da prestazione si portano letteralmente a casa il lavoro per il bisogno di "portarsi avanti" o non rimanere indietro oppure per perfezionarlo sottraendo, in questo modo,  attenzioni alla propria famiglia;  per alleviare l'ansia da prestazione possono anche presentarsi al lavoro "volontariamente"  suscitando lo stupore dei colleghi. Come accennato in precedenza l'ansia da lavoro può assumere, in alcuni casi, i connotati di veri e propri attacchi di panico situazionali che possono aggravare la già precaria situazione e compromettere il posto di lavoro; in questi casi è presente sia una marcata ansia anticipatoria, ovvero una profezia funesta di ciò che potrebbe succedere in ufficio, che i sintomi psico-fisiologici ( bocca secca, tremori, sudorazione,  confusione,  difficoltà a ricordare le cose etc.) correlati alla presenza di ansia eccessiva.

Quali sono le cause dell'ansia da prestazione lavorativa?

Generalmente, gli individui che manifestano troppa ansia sul posto di lavoro presentano una sensibilità "storica" ed eccessiva al giudizio altrui e al fatto di essere valutati come inadeguati, manchevoli di qualità, meritevoli di rimproveri o giudizi critici per cui,  è probabile che, nella vita di questi soggetti, l'ansia da prestazione si è presentata in altra contesti come, ad esempio, la scuola o nello sport.

L'ansia da prestazione lavorativa può trovare origine in particolari Schemi Maladattivi Precoci ( J. E. Young, J. S. Klosko, M. E. Weishaar) come, ad esempio, lo "Schema Inadeguatezza e Vergogna", "Fallimento" o "Standard Severi" che possono rappresentare la causa del perenne senso di inadeguatezza e timore del giudizio altrui. L'eccessiva ansia sul posto di lavoro potrebbe anche essere un sintomo classico della Fobia Sociale per cui si rende necessaria, prima di qualsiasi cura, un adeguata indagine psico-diagnostica finalizzata a comprendere se i sintomi soddisfano i criteri per questo disturbo d'ansia. Generalmente, le cause dell'ansia da prestazione lavorativa possono essere fatti risalire sia a fattori ambientali (clima familiare, gruppo dei pari, esperienze preganti) che temperamentali tanto che  appare plausibile che la causa  dell'ansia  sul posto di lavoro si origini dalla convergenza di entrambi i fattori.

Fattori Ambientali. Un clima familiare disfunzionale  può rappresentare una causa importante all'origine dell'ansia sul posto di lavoro,  genitori critici, invalidanti o squalificanti possono minare la sicurezza del bambino  per via delle numerose esperienze svilenti che alimento la credenza di non possedere le qualità basiche necessarie; in altre parole, bambini con questa tipologia di genitori crescono insicuri è sono particolarmente sensibili alle critiche, anche da adulti, perché rievocano l'esperienza emotiva di inadeguatezza e, dunque, della vergogna.

L'ansia da prestazione lavorativa può avere origine anche da un atteggiamento genitoriale che condiziona il proprio affetto o la propria approvazione  al raggiungimento di prestazioni, in questi casi il bambino impara che, per essere amato o semplicemente non criticato, deve conseguire risultati; questo atteggiamento può essere  tra le cause  dei sintomi dell'ansia da prestazione scolastica nei fanciulli che poi, crescendo, la generalizzano ad altri tipi di prestazioni come quelle sportive, universitarie e lavorative.

Spesso, le persone che hanno questo tipo di "credenze" identificano il loro valore personale (autostima) con l'esito della prestazione; in altre parole,  una critica al lavoro viene vissuta come una svalutazione della propria persona è questo spiega sia la causa dell'eccessiva ansia che di  tutti i comportamenti finalizzati ad evitare o anticipare ogni possibile critica o rimprovero.

Tra le cause che possono favorire l'ansia sul posto di lavoro  e in altre prestazioni si può includere un atteggiamento genitoriale particolarmente esigente e/o perfezionistico in relazione ai risultati conseguiti dal bambino; questi genitori non si accontentano di performance "normali" ma spronano il fanciullo affinché raggiunga  il massimo risultato possibile. Questi genitori possono dichiarare apertamente questo loro bisogno "premiando" o "punendo" il bambino in relazione all'esito della prestazione oppure possono adottare un atteggiamento manipolativo o di paragone.

I bambini che manifestano lo "Schema Standard Severi" sentono il bisogno di scegliere obiettivi molto difficili il cui raggiungimento  causa costi gravosi (sacrificio delle attività ludiche, delle relazione amicali, dello sport etc.) e la presenza di  sintomi quali la l'eccessiva preoccupazione e l'ansia per il timore di fallire. Nell'ansia da prestazione lavorativa la presenza di questo schema può spiegare il perfezionismo che impedisce al soggetto di tollerare ogni minima critica o imperfezione della loro mansione. A volte questo schema disfunzionale non è causato dai genitori ma rappresenta l'esito di una "libera" scelta del fanciullo  che si impone, spesso per una compensazione narcisistica,  obiettivi  complicati al raggiungimento dei quali è legata la propria autostima.

Temperamento. Anche il temperamento, ovvero la predisposizione genetica che può influenzare l'umore o l'ansia,  può essere annoverata tra le cause dell'ansia sul posto di lavoro specie se particolari tratti biologici come l'inibizione, la tendenza ad allarmarsi o un umore ipotimico  si sommano agli esiti di un ambiente familiare disfunzionale.
Come curare l'ansia da prestazione lavorativa

L’eccessiva ansia sul posto di lavoro può essere una condizione normale e transitori dovuta ad alcune circostanze  (inizio di un nuovo lavoro, cambio di mansione, situazioni particolari come la chiusura di un contratto etc.)  ed è quindi destinata a ridursi con il sopraggiungere dell’esperienza lavorativa o con il venir meno della situazione critica.

L’ansia da prestazione lavorativa necessita di cure appropriate ( Psicoterapia) quando, nonostante la familiarità e le competenze  lavorative acquisite, i sintomi permangono disturbando  la performance dell’individuo, in questi casi, oltre all’ansia sul posto di lavoro, si presenta l’ansia anticipatoria  in risposta della quale il soggetto può evitare di presentarsi al lavoro oppure quando vi si reca viene sopraffatto da un angoscia tale che, in alcuni casi, può assumere le caratteristiche di un vero e proprio attacco di panico.

Se l’ansia sul posto di lavoro rientra tra i sintomi di una Fobia Sociale, come spesso accade, la terapia deve tener conto di altri possibili ambiti dove il soggetto viene penalizzato  o che puntualmente evita per timore di essere sopraffatto dall’angoscia. La Psicoterapia Cognitivo Comportamentale rappresenta il rimedio più efficace, Evidence Based, per la cura di questo disturbo poiché è in grado sia di demolire  le  credenze disfunzionali che stanno alla base dell’ansia da prestazione lavorativa  che di favorire un sano processo di accettazione delle possibili critiche ridimensionandole, quindi,  la drammaticità.

Uno degli obbiettivi centrali della cura dell’ansia da lavoro è quella di separare il proprio valore personale dall’esito della prestazione, in sostanza la Psicoterapia Cognitivo Comportamentale  favorirà una visione più funzionale e realistica della prestazione riportandola alla sua vera dimensione di evento circoscritto e definito il cui esito  non può estendersi o generalizzarsi al valore personale dell'individuo  che imparerà, quindi,  a nutrire la propria autostima a partire dalla proprie qualità interne come i valori etico morali con cui si identifica o le scelta di vita che ha compiuto.

I sintomi  dell' ansia sul posto di lavoro, specie se sono presenti schemi disfunzionali, possono essere solo la punta di un iceberg  che segnala un generale senso di inadeguatezza e vergogna associati al timore di essere criticati che può compromettere i vari domini della persona  come quello interpersonale,  affettivo e, appunto, lavorativo;  in questi casi,  la cura dell'ansia da prestazione richiede il riconoscimento di questi schemi disfunzionali, le cause che le hanno generate e un meticoloso ma affascinante  lavoro di cura  psicoterapica  che ha, come obiettivo principale, quello di aggiornare o sostituire gli schemi maladattivi  attraverso tecniche cognitive, immaginative e strategie che favoriscono il cambiamento del comportamento.
La Riproduzione è Riservata- Dr Gaspare Costa
Se hai trovato questo articolo interessante puoi aiutare a far crescere il sito condividendolo. Grazie, Dr Gaspare Costa
dr gaspare costa
 
Dr Gaspare Costa iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana n° 5040 - P.Iva 0120695045 Tutti i diritti riservati - prima dell'utilizzo del sito leggere le avvertenze in note legali e privacy
Torna ai contenuti | Torna al menu