Che cosa sono gli Attacchi di Panico? - Psicologo Massa - Carrara - Versilia - Online - Dr Gaspare Costa - Psicoterapeuta

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Attacchi di Panico

Che cos’è un attacco di panico?

a cura del Dr Gaspare Costa

L’attacco di panico si presenta come un grave e passeggero stato d’ansia la cui intensità crescente, in generela durata di un attacco di panico  si aggira intorno ai 10 minuti, comporta  vissuti drammatici e catastrofici tanto da far temere alla persona che lo subisce  la morte, un attacco di cuore, la paura di perdere il controllo o impazzire. Qualsiasi sia l’evento catastrofico temuto è risaputo che l’esperienza dell’attacco di panico lascia la persona profondamente spaventata, angosciata, terrorizzata e, soprattutto, in preda all’ansia e alla paura che l’attacco posso ripresentarsi.

Questo timore segna nettamente e negativamente la qualità della vita della persona che, improvvisamente, si trova a vivere una condizione totalmente diversa rispetto a quella a cui era abituata in cui prevalgono le rinunzie, la perdita dell’autonomia, l’ansia, la paura di non essere più normali, il timore per ogni sensazione che possa far temere l’arrivo di un nuovo attacco, sentimenti depressivi per la libertà che si è perduta e la condizione in cui ci si trova. Durante l'attacco di panico  si possono avere i seguenti sintomi:

•     Respiro affannoso
•     Palpitazioni
•     Vertigini o giramenti di testa
•     Formicolii alle mani o ai piedi
•     Senso di costrizione o dolore al torace
•     Sensazione di soffocamento o di mancanza d'aria
•     Sentirsi svenire
•     Sudorazione
•     Tremori
•     Vampate di caldo o di freddo
•     Bocca secca
•     Nausea o nodo allo stomaco
•     Debolezza delle gambe
•     Visione annebbiata
•     Tensione muscolare
•     Impressione di non riuscire a pensare chiaramente o di non riuscire a parlare
•     Impressione che le cose intorno non siano reali
•     Paura di morire, di perdere il controllo, o impazzire
Durante un forte attacco di panico la persona può avere  reazioni diverse a seconda delle conseguenze catastrofiche temute, ad esempio, nel caso in cui la paura riguarda la morte, un infarto o lo svenimento la persona può cercare aiuto (questo atteggiamento spiega perché negli attacchi di panico con agorafobia l’individuo è restio ad allontanarsi da luoghi dove gli è possibile, nel caso l’attacco di panico si presentasse, poter chiedere aiuto) oppure può allontanarsi dalla situazione in attesa che i sintomi panicosi passino.

Altre volte la persona preferisce evitare gli altri perché  ha vergogna ( ostracismo sociale) di farsi vedere in una condizione di imbarazzo e debolezza. In ogni modo gli attacchi di panico, specie le prime volte,  rappresentano  un esperienza angosciante, paurosa, strana, in cui la paura della morte, di poter svenire, perdere il controllo o impazzire terrorizza chi ne soffre. Con il tempo la persona può “abituarsi” ai sintomi anche se gli attacchi di panico continuano sempre ad essere vissuti come eventi paurosi, sgradevoli  e carichi di sofferenza. Spesso l’abituazione ai sintomi è controbilanciata dall’ansia e dalla paura che gli attacchi di panico futuri possono essere molto peggiori o addirittura fatali. Attacchi di Panico: scopri qual'è la cura più efficace oppure richiedi un appuntamento al Dr Gaspare Costa

La riproduzione anche parziale dell'articolo è consentita solo previa citazione della fonte www.attacchidipanico-ansia.it
Dr Gaspare Costa
 
Dr Gaspare Costa iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana n° 5040 - P.Iva 0120695045 Tutti i diritti riservati - prima dell'utilizzo del sito leggere le avvertenze in note legali e privacy
Torna ai contenuti | Torna al menu