DOC da controllo - Ansia - Dubbio - Bisogno di Controllare Sempre - Psicologo in Toscana e Online - Dr Gaspare Costa - Psicoterapeuta

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Disturbo Ossessivo
attacchi di panico
Avrò chiuso il  Gas? Il Dubbio Ossessivo da Controllo nel DOC

a cura del Dr Gaspare Costa

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo, più brevemente DOC, rappresenta uno dei quadri  psicopatologici più frequenti e invalidanti  che si riscontrano nella popolazione generale; il DOC da controllo (dubbi ripetitivi) rappresenta una delle tante modalità con cui il Disturbo Ossessivo Compulsivo può presentarsi; nella sua manifestazione classica il DOC da controllo assume la seguente architettura: la persona viene colta dal dubbio ossessivo, innescato da stimoli interni o esterni, che qualcosa, ritenuta potenzialmente pericolosa per l’incolumità di se stessi o degli altri, non è stata controllata a sufficienza o necessità di ulteriori verifiche; il dubbio ossessivo è accompagnato da valutazioni  di minaccia a cui si associa una escalation dell’ansia  alla quale la persona pone rimedio mettendo in atto i rituali compulsivi di controllo finalizzati a ridurre lo stato di disagio.

L’esempio seguente ci aiuterà a comprendere meglio  le dinamiche del DOC da controllo: Mara è una donna sposata di 34 anni, lavora come dirigente in un importante gruppo informatico,  da quasi 10 anni e affetta da dubbi ossessivi riguardanti la chiusura del gas e di altre situazioni sensibili ( porte, finestre, rubinetti,  portiere dell’auto, elettrodomestici etc.).

Mara si descrive come una persona scrupolosa, perfezionista,  incentrata sul  senso del dovere e della “moralità”, a volte si reputa eccessivamente ansiosa ed  insicura mentre, dagli altri, viene  vista come donna sicura e determinata. Ecco quello che succede a Mara più volte giorno, specie nelle occasioni in cui deve uscire di casa o andare a dormire: “ All’improvviso un dubbio si insinua nella mia mente, avrò chiuso la manopola del gas ( la "fissazione"può riguardare  molte altre cose come i rubinetti, le porte, le finestre etc.).  

Il dubbio ossessivo è subito accompagnato dall’ansia, da una sensazione di disagio  che riesco a lenire, almeno per un po’ di tempo, dopo  ripetuti controlli della manopola del gas chiudendola e riaprendola; controllo la manopola per 10, 100, fino a 1000 volte finché, sfinita, non riesco a rassicurarmi o, quantomeno, penso di avere la coscienza a posto.
Quando il dubbio ossessivo si insinua nella mia mente penso a quello che potrebbe succedere se, effettivamente, il gas rimerebbe aperto: il condominio si saturerebbe e rischierebbe di saltare in aria procurando morti e feriti, immagino delle scene dove vedo i colpi dilaniati sepolti sotto le macerie; poi penso che posso evitare tutto questo semplicemente controllando più accuratamente,  se non lo facessi mi sentirei colpevole, irresponsabile, negligente e questo non posso tollerarlo.

Mi rendo conto che questi timori sono esagerati ma non riesco a controllarli, a volte mi sento matta, penso che non potrò resistere a lungo in questo modo, non potrò più avere una vita normale. Ultimamente passo diverse ore a  controllare, tanto che al lavoro sempre più spesso arrivo in ritardo mentre non riesco ad andare a letto prima delle 3,00 sempre a causa delle verifiche che devo fare. Finora non mi sono fatta aiutare da nessuno perché mi vergognavo di parlare di queste cose e pensavo di risolverle da sola ma ora sono allo stremo delle forze, sono arrivata fino al punto di non “vivere” più la casa ( non cucino, non lavo, non stiro, evito di accendere qualsiasi interruttore per paura di dover controllare tutto).

Il caso Mara è abbastanza comune, basti pensare che in Italia circa 1.000.000 di persone, distribuito equamente per sesso e classe sociale,  soffrono di Disturbo Ossessivo Compulsivo nelle varie tipologie in cui può manifestarsi; il DOC esordisce, con maggior frequenza, tra i 6 e i 20 nei maschi e tra i 20 e i 29 nelle femmine e, quasi sempre, presenta, se non trattato, un decorso cronico  che condiziona negativamente la vita delle persone affette e dei familiari. Spesso, proprio come Mara, le persone affette da DOC sono riluttanti a rivolgersi ad un professionista della salute mentale (Psicologo, Psichiatra, Psicoterapeuta)  perché  trovano imbarazzante parlare delle “bizzarrie” che il Disturbo Ossessivo li costringe a fare o, peggio, hanno la credenza che sia qualcosa di incurabile.
La riproduzione anche parziale dell'articolo è consentita solo previa citazione della fonte www.attacchidipanico-ansia  
                                                                                                                                                                   Dr Gaspare Costa
Sei interessato al DOC?
Il sito completamente dedicato al Disturbo Ossessivo Compulsivo
psicoterapeuta online skype
attacchi di panico
 
Dr Gaspare Costa iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana n° 5040 - P.Iva 0120695045 Tutti i diritti riservati - prima dell'utilizzo del sito leggere le avvertenze in note legali e privacy
Torna ai contenuti | Torna al menu